Chi siamo  |  F.A.Q.  |  Contatti  |  Link  |  
Provincia di Savona: Insieme Facile

Home

TERRITORIO

Procedimenti concertativi

Pubblicazioni

Normativa

Banche dati e modulistica

Calendario eventi

PTC Progetto di Piano

Repertorio cartografico

Comuni della provincia

PROGETTI

STRUMENTI PER LO SVILUPPO

Comuni della Provincia

Nasino

Comune di Nasino
Via Montegrappa, 10
17030 - Nasino (Sv)
Telefono: 0182 77017
Fax: 0182 77017
Website: -
E-Mail: com_nasino@libero.it

Immagine: stemma del Comune di Nasino Immagine: mappa con la posizione del Comune di Nasino

Itinerari turistico-culturali del Savonese

Nessun itinerario inserito al momento per questo Comune.

TERRITORIO

EVENTI E PROGETTI

STRUMENTI E SVILUPPO

Distanza da Savona: 62 Km
Altitudine: minima 220 - massima 1708 m
Superficie comunale: 21,56 Km
Popolazione: 224
CAP: 17030, prefisso telefonico: 0182, cod. Istat: 009041, cod. catastale: F847
Frazioni: Vignolo

Centro agricolo sparso della valle Pennavaira, posto sul versante meridionale del monte Galero (1078 m). L'abitato che sorge sulla sinistra del torrente, guarda alle precipiti pareti del monte Peso Gran de (1092 m). In val Pennavaira, come è noto divisa fra le province di Imperia, Cuneo e Savona, delle cinquanta e più caverne soltanto una parte è di pertinenza savonese; la più importante era, prima del suo degrado a luogo di discarica, l'Arma di Nasino, un riparo naturale con volta arcuata, largo circa 13 m e profondo 5, che accolse nei millenni comunità umane dal periodo Epigravettiano finale (circa 9000 anni da oggi) fino all'età romana.I reperti scavati sono esposti nella sezione preistorica del Civico Museo Ingauno ad Albenga. La val Pennavaira conferma, con questa e con altre caverne abitate (Arma dello Stefanin, Arma Crosa, Arma del Cuppà, le Camere, il Pertusello ecc. ), la sua importante funzione di direttrice di transito da e per la valle del Tanaro, prescelta anche, per gli insediamenti fissi o stagionali, per l'abbondanza di acqua e di selvaggina. Nasino, già compreso nella marca aleramica, appartenne ai marchesi Del Carretto di Balestrino (secolo XII), i quali, nel 1202, stipularono una convenzione con la Re pubblica di Genova. Nel 1735 il feudo fu posto sotto l'alta sovranità del Re di Sardegna, ma effettivamente "consegnato", dopo l'editto savoiardo del 3-10-1752, dal marchese Ottaviano Tommaso Costa Del Carretto di Balestrino, che ne rimase "feudatario" sino all'occupazione dei francesi repubblicani alla fine del secolo. A Vignoletto si conservano le rovine del castello dei Del Carretto, in eccezionale posizione strategica. La parrocchiale di San Giovanni Battista è seicentesca. Il santuario della Madonna di Curagna è stata in origine la principale chiesa della valle. Agricoltura (frutta, ortaggi, olive) e allevamento del bestiame non esauriscono la domanda occupazionale; di conseguenza parte della manodopera lavora nei più vitali centri costieri.

TERRITORIO

EVENTI E PROGETTI

STRUMENTI E SVILUPPO


PHOTO GALLERY del Comune di Nasino

Immagine: veduta di Nasino
Immagine: veduta di Nasino

Torna alla lista dei comuni

Top

<<

September 17

>>

D

L

M

M

G

V

S

 

 

 

 

 

01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30


Promotori dell'iniziativa
"un tesoro di... Monumento"
Promotori di


                 Tutti i diritti riservati © Provincia di Savona - Via Sormano, 12 - 17100 SAVONA - C.F. e P.IVA 00311260095